Nuovo contratto AIOP penalizzante per i lavoratori

Il nuovo accordo contrattuale sottoscritto dall’Associazione Italiana Ospedalità Privata (AIOP), da UGL ed altre sigle sindacali non è stato invece sottoscritto da CGIL, CISL e UIL.

Con Giulia Rodano, sono convinta che le nuove condizioni sono gravemente penalizzanti per i lavoratori delle Case di Cura private: riduzione dal 25 al 30 per cento dello stipendio base, aumento delle ore di lavoro, gestione vessatoria dello straordinario, per riportare solo alcune delle condizioni.

associazione italiana ospedalità privata AIOP

Ma nonostante la mancanza delle firme di CGIL, CISL e UIL sono numerose le Case di Cura che dal prossimo primo luglio applicheranno il nuovo contratto. C’è chi invece, pur essendo associato AIOP, riconoscerà i diritti, la valenza professionale, il valore strategico del capitale umano e si rifiuterà di applicarlo.

Questa vicenda risulta essere emblematica di quello che sta succedendo nel mondo del lavoro nel nostro Paese. Da una parte chi si sceglie le controparti e insieme si mettono d’accordo per sottoscrivere qualsiasi cosa, dall’altra chi invece rispetta la dignità dei lavoratori e non approfitta della crisi perché crede in un contratto che va ben al di là delle firme: il patto sociale tra tutti gli italiani, un patto tacito, non scritto, ma che fa di tanti cittadini un popolo, un patto che si fonda sul mutuo riconoscimento.

E’ sulla base del valore di questo patto sociale e civile che facciamo appello affinché questo oltraggioso contratto non venga applicato.

Essendo stata investita del problema in particolare da lavoratori di case di cura della Provincia di Frosinone il mio appello si rivolge in particolare agli associati AIOP del Lazio.

Leggi anche:

  • Pingback: Le attività della settimana trascorsa [28-05/3-06 2012] | Anna Maria Tedeschi Blog

  • Gennaro

    aspetto ormai da anni lunificazione del contratto aiop con quello ospedaliero.
     

  • lino

    cara   onorevole grazie per la sua presa di posizione contro quel maledetto contratto aiop che purtroppo probabilmente applicheranno grazie anche alla grande presidente di sto …..che se ne sta completamente lavando le mani vi prego voi della minoranza fate quello che potete perche’questa sera è saltato l’ultimo incontro tra i sindacati confederati della f.p.ei disgraziati dell’aiop noi siamo pronti a qualsiasi cosa.grazie mille

  • Anonimo

    Appena ho saputo della firma dello scandaloso contratto mi sono attivata con gli altri sindacati non firmatari per far riaprire la trattativa. Il dialogo e’ ripreso, qualcosa di migliorativo e’ stato prodotto, attendiamo la firma di un contratto dignitoso.
    Inviato da iPad

    Il giorno 12/giu/2012, alle ore 22:52, “Disqus” ha scritto:

  • Susannaferrari

    nella struttura in cui lavoro come infermiera il 1/7 è stato applicato il contratto truffa…..calpestando definitivamente la dignità e la professionalità di chi quotidianamente vi  presta servizio. Quello che mi fa rabbrividire di più è  la mancanza assoluta d’interesse da parte delle istituzioni, dei mass-media come se tutto ciò non fosse un problema:è bello mettere continuamente in risalto il problema della malasanità ma nessuno si è preso la briga di appurare di quale carico di lavoro siamo costretti ogni giorno a sopperire noi lavoratori della sanità pubblica e privata. Nessuno, ha accertato quanti doppi turni, quanto lavoro e quante responsabilità abbiamo quando siamo costretti a lavorare per due o tre. Il nostro lavoro non è la catena di montaggio…noi siamo a contatto con le persone e manco a farlo apposta siamo persone anche noi, e non siamo ne missionari ne apprendisti santi ma uomini e donne che lavorano.Gli errori, anche gravi succedono perchè la stanchezza, il malcontento ci porta prima o poi a sbagliare…. ma questo non si pensa.Spero che ben presto si riesca a ridare anche alla nostra professione i diritti che ci spettano.e anche la giusta remunerazione.

  • Mcgrath

    … chiedo scusa per la mia ignoranza… ma nel pubblico o nel privato, non siamo sempre in ospedale?
    mcgrath